It’s gnomo time

Vi capita mai di trovare degli involontari leit motiv nella vostra vita? Non cercati, non voluti ma capitati. A me succede. Di tanto in tanto ne spunta uno. Fino a poco prima non avevo percezione della cosa in sé e d’un tratto vedo e ritrovo la solita presenza un po’ dovunque. E’ cominciata così anche con lo gnomo.

Prima l’incontro con London Boy, il cd di singoli di David Bowie comprato fortuitamente all’S lunga a soli 4 euro (meno di due etti di bresaola!). Nella tracklist è amore a primo ascolto con The Laughing Gnome, pezzo a due voci di Bowie con gnomo ridanciano e simpaticone che si lancia nei giochi di parole (i cosiddetti “puns” tipici dello humour inglese). La risatina dello gnomo, provare per credere, è contagiosa.

Poi la mail del mio amico Elpidio che mi linka un articolo sullo gnomo del Parlamento, il ministro Brunetta.

Per non parlare delle continue uscite e boutade mediatiche, per nulla simpatiche a dire il vero, del nostro premier Silvio Berlusconi che certo non brilla per la statura ma si è ormai tatuato in faccia un sorriso beffardo che non accenna a scomporre. Ecco si, uno gnomo che ride.

Arriviamo agli gnomi da giardino. Ho scoperto che esistono anche nel giardino vicino a casa mia, ovviamente sono lì da anni ma a me si sono rivelati solo ora.

Passiamo allo blogosfera, ecco che nel suo blog della mia amica Pippawilson spunta uno gnomo ruba-ventaglio.

Ora, sono io che vedo gnomi dovunque o sono loro che perseguitano me?

Foto | Deviantart

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...